top
Gallura set

La Gallura come un grande set

Nei mesi scorsi i ciak di Impero per Sky e della Sirenetta per la Disney. Telecamere e casting anche ad Arzachena

In principio furono i cult movie Deserto Rosso di Michelangelo Antonioni, datato 1964, e Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto, diretto nel 1974 da Lina Wertmuller, con remake firmato da Guy Ritchie e Madonna, che allora, nel 2002, era sua moglie, nella parte che fu di Mariangela Melato. Poi, arrivarono il James Bond di Roger Moore con 007 – La spia che mi amava (1977) e, più di recente, Loro di Paolo Sorrentino (2018), una sorta di biopic di Silvio Berlusconi in Sardegna con tanto di casting a Olbia. Non male come precedenti delle due grandi produzioni cinematografiche sbarcate in Gallura nel 2021: la serie tv di Sky Impero, prodotta da Luca Barbareschi, e il film Disney La Sirenetta. Le riprese della prima, ambientata nel mondo del calcio e interpretata, tra gli altri, da Francesco Montanari e Giancarlo Giannini, hanno coinvolto a settembre Arzachena, che è stata anche sede della selezione di un centinaio di persone che potessero interpretare calciatori, anche molto giovani, e giocatori di beach soccer, allenatori, spettatori e amici e parenti dei ragazzini in campo, più le comparse degli eventi collaterali alle partite, come feste e simili. Un ciak importante preceduto, da queste parti, dal set da favola di La Sirenetta. Oltre al cinema italiano il nord dell’Isola piace anche a Hollywood, come dimostrano le riprese, realizzate quest’estate tra Santa Teresa, Castelsardo e Golfo Aranci, della versione live action del fortunato lungometraggio d’animazione della Disney realizzato alla fine degli anni Ottanta. Protagonista nel ruolo della principessa sirena Ariel la giovane Halle Bailey, ma il cast vanta pure Melissa McCarthy nei panni della terribile Ursula e la star spagnola Javier Bardem nel ruolo del Re Tritone, padre di Ariel.

Ilenia Giagnoni

Article by Ilenia Giagnoni

CS Journal è la voce ufficiale del Consorzio Costa Smeralda, edito per i propri associati e per l’indotto turistico che ogni anno affolla la Costa Smeralda. Un magazine formato tabloid che valorizza l’identità del Consorzio e tutte le realtà del territorio.