top
Costa Smeralda

La tutela dei litorali in Costa Smeralda

Le iniziative della Capitaneria di Porto della Guardia Costiera e del comune di Arzachena in difesa nelle spiagge

Il ruolo della Sardegna negli anni è diventato sempre più centrale dal punto di vista turistico. Una bellezza riconosciuta in tutto il mondo ma che può essere preservata solo con degli strumenti che puntino alla sua tutela. Da questo punto di vista l’impegno del Comune di Arzachena è completo e mirato verso una corretta fruizione degli arenili. Un intervento che prevede la collaborazione con la Capitaneria di Porto Guardia Costiera nel corso della stagione estiva. Le ultime operazioni registrate nelle aree consortili sono state però possibili anche grazie alla cittadinanza attiva di alcuni bagnanti, inviando corrette segnalazioni verso gli uffici comunali competenti. Questi ultimi hanno poi inoltrato i materiali alla Sezione di Porto Cervo coordinata dal Luogotenente Arialdo Deiara, come è avvenuto nel caso dell’episodio dei giorni scorsi nella spiaggia del Principe dove si è arrivati ad applicare una sanzione amministrativa di 1.032 euro. Le operazioni di monitoraggio delle spiagge del Consorzio Costa Smeralda coordinate dal Luogotenente Deiara hanno portato inoltre a unulteriore sanzione nei confronti di altro operatore che occupava abusivamente la spiaggia a Cala Granu. Motivo per cui si a fine stagione si chiederà un incontro con la Regione Sardegna per fare luce sulla situazione odierna.

Stiamo riscontrando diversi abusi sui litorali di Arzachena e quelli gestiti dal Consorzio Costa Smeralda che vedono spesso infrante le regole di utilizzo del demanio e le norme sulla concessione degli spazi o quelle sulla vendita ambulante – spiega lassessore al Demanio e Urbanistica, Alessandro Malu -. In particolare, nei giorni scorsi, abbiamo ricevuto la segnalazione delloccupazione abusiva del litorale alla spiaggia del Principe. Qui, un operatore abilitato esclusivamente al noleggio su richiesta occupava anticipatamente il lido nei posti fronte mare fin dalle 8 del mattino. In questi casi, il posizionamento dei lettini è consentito solo dopo lacquisto del servizio da parte del cliente. La collaborazione con gli uffici locali di Porto Cervo e Cannigione, diretti rispettivamente dalla Capitaneria di Golfo Aranci e di La Maddalena, è fondamentale per reprimere gli abusi e garantire ai bagnanti il diritto di fruire del lido liberamente, anche al di fuori delle concessioni”.

Riccardo Lo Re

Article by

CS Journal è la voce ufficiale del Consorzio Costa Smeralda, edito per i propri associati e per l’indotto turistico che ogni anno affolla la Costa Smeralda. Un magazine formato tabloid che valorizza l’identità del Consorzio e tutte le realtà del territorio.