top
Costa Smeralda

La storia della Costa Smeralda raccolta nelle sue riviste

Dal 23 giugno in programma un’esposizione lungo le aree più frequentate di Porto Cervo. 30 copertine storiche di Costa Smeralda Magazine faranno rivivere le tappe storiche di questo borgo

Il Consorzio Costa Smeralda è pronto a celebrare questi 60 anni di vita. Guardando indietro quel percorso iniziato nel 1962, è riuscito nell’impresa di scolpire l’emozioni nella roccia, rispettando allo stesso tempo i ritmi e il silenzio naturale che offre quotidianamente il paesaggio smeraldino. Un equilibrio perfetto che è stato raccontato negli anni dal Costa Smeralda Magazine, la voce ufficiale del Consorzio. Le sue copertine, divenute un frammento importante al pari del granito gallurese, saranno infatti al centro di una mostra a partire dal 23 giugno. Non poteva infatti esserci un posto unico in grado di concentrare 30 memorabili pagine di storia della Costa Smeralda. La scelta è stata dunque di coinvolgere le aree più frequentate durante l’estate, dalla passeggiata di Porto Cervo, la Promenade du Port, fino alla piazza del Principe e piazza della Marina. Quattro zone di Porto Cervo che rispecchiano un mito intramontabile.

I dettagli

Fino a metà ottobre i turisti potranno conoscere da vicino uno dei primi magazine realizzati per promuovere una destinazione turistica. Negli anni grandi nomi della carta stampata – si pensi a Harpers Bazaar, Vogue, Life, Esquire, National Geographic – stavano di fatto cambiando la concezione del giornalismo grazie ai loro contenuti editoriali, e dal 1965 anche la Costa Smeralda ha voluto lasciare il segno creando qualcosa che potesse raccontare lo sviluppo di questo borgo. Se si va a osservare ciascuno di questi prodotti si vedranno infatti similitudini e divergenze a seconda di un determinato periodo storico. In ognuna di queste pubblicazioni l’obiettivo era chiaro: mostrare i protagonisti della stagione, che potevano essere gli stessi paesaggi che circondano la Costa Smeralda, così come le varie figure dello show business che scelsero di fermarsi a Porto Cervo. Il magazine era il risultato di tutti gli sforzi ottenuti nel corso del tempo. Un oggetto animato dall’evoluzione dell’intera area e che andava certamente a focalizzarsi sulla rivoluzione in atto in Sardegna. Le prime strutture ricettive costruite dai migliori architetti in circolazione; il successo e il prestigio di istituzioni come lo Yacht Club Costa Smeralda e il Pevero Golf Club, considerato già all’epoca come uno dei circuiti più suggestivi da parte degli amanti di questo sport. Il Costa Smeralda Magazine era questo: uno specchio di un mondo che stava cambiando.

La storia

Dagli anni Settanta in avanti il giornale si era poi arricchito di numerosi contenuti cha andavano via via ad attrarre la curiosità di turisti. L’aumento del numero degli immobili era notevole, e per questa ragione il magazine doveva informare il mondo di tutti i servizi attivati durante la stagione estiva: i servizi medici, i servizi di vigilanza e i sistemi di sicurezza, e il comitato di architettura che andava a tutelare l’ambiente nel segno della sostenibilità. Più passarono gli anni, e più il giornale si completava offrendo spazi dedicati alle varie realtà turistiche del territorio, e articoli esclusivi dalla moda alla cultura, compresa la tradizione sarda impreziosita da questo polo d’attrazione internazionale.

Oggi, con i 60 anni appena compiuti, il Magazine si è letteralmente sdoppiato. Il CS Journal ogni mese racconta le principali novità sul territorio, mentre Handbook Costa Smeralda si è preso lo scettro della rivista ufficiale del Consorzio. Ed è solo l’inizio.

Riccardo Lo Re

Article by

CS Journal è la voce ufficiale del Consorzio Costa Smeralda, edito per i propri associati e per l’indotto turistico che ogni anno affolla la Costa Smeralda. Un magazine formato tabloid che valorizza l’identità del Consorzio e tutte le realtà del territorio.